"Still Waters"
   Polydor Records , 1998

Still Waters

Alone
I Surrender
I Could Not Love You More
Still Waters Run Deep
My Lover's Prayer
With My Eyes Closed
Irresistible Force
Closer Than Close
I Will
Obsessions
Miracles Happen
Smoke And Mirrors

Bonus tracks:
Rings around the moon
Love never dies



Dopo quattro anni dall'ottimo "Size isn't everything"(1993), i fratelli Gibb propongono questo nuovo lavoro bollato (come al solito) come il loro ennesimo "ritorno alle scene". In realtÓ i Bee Gees non sono mai stati fuori dalle scene della musica pop che conta, non solo quella che vende. Infatti tutti gli anni 90 sono stati caratterizzati dalla riscoperta delle loro canzoni da parte di artisti giovani e molto diversi da loro, dalle "boy-bands" alle "alternative-rock bands" gravitanti nell'area di Los Angeles, da sempre ambiente precursore delle nuove tendenze del rock giovane. "Still Waters" Ŕ un album che segna una transizione musicale dei Bee Gees, che iniziano ad abbandonare alcune sonoritÓ tipicamente dance che avevano in qualche maniera caratterizzato il precedente lavoro. Pur strizzando l'occhio alle familiaritÓ degli ascoltatori pi¨ distratti (e nostalgici) con abbondanti usi di falsetti ed arrangiamenti in alcuni casi (pochi per fortuna) un p˛ leziosi , i Gibb presentano un set di canzoni come al solito ottimo dal punto di vista puramente melodico e compositivo. Dal punto di vista vocale giÓ si Ŕ detto del falsetto ma bisogna sottolineare una ritrovata ricerca di grandi impasti ed armonie vocali. La presenza di grandissimi nomi del pop e del rock come produttori del calibro di Hugh Padgham (Genesis, Phil Collins), Russ Titelman (Eric Clapton , Stevie Winwood), David Foster (Chicago, Barbra Streisand, Celine Dion) , Arif Mardin (Rolling Stones, Aretha Franklin) , rendono l'idea della importanza, del credito e del rispetto che il mondo dell'industria discografica per i Bee Gees. I risultati sono ottimi anche dal punto di vista dei riscontri commerciali, visto che l'album venderÓ circa 6 milioni e mezzo di copie. I momenti migliori dell'album sono la splendida "I will", grandissimo esempio di ricchezza melodica, l'interessante uptempo "I surrender", il buon singolo "Alone" e la title track "Still Waters (run deep)". Da segnalare l'ottimo numero soul-R&B "With my eyes closed" in collaborazione col produttore delle black stars Raphel Saadiq (notevoli le sue collaborazioni con Prince, Janet Jackson, Full Force). Un cenno a parte meritano le "bonus tracks", inserite solo nei singoli. In particolare la splendida "Rings around the moon", che sicuramente avrebbe meritato l'inserimento nell'album...
Releases Index